Fabbricazione della carta

Se i materiali fibrosi arrivano alla cartiera in forma di balle, devono essere spappolati in acqua e mescolati insieme con altre paste in un’apposita macchina (pulper) in diverse percentuali, a seconda del tipo di carta che si vuole ottenere e poi trasformati in carta con una macchina detta macchina continua, che trasforma la pasta in fogli di carta.
Se invece la pasta è stata prodotta nella cartiera stessa può essere direttamente immessa in questa macchina. I fogli escono dalla macchina in forma di rotoli, ad una velocità di produzione di 100 km/h, e possono essere lunghi anche parecchi chilometri, con una larghezza fino a 10 metri!
Una volta usciti dalla macchina continua i fogli possono essere sottoposti ad ulteriori operazioni, come la patinatura e la calandratura, che rendono la superficie del foglio perfettamente livellata, lucida e, talvolta, brillante.
In molti casi la carta viene tagliata in fogli del formato voluto e impacchettata in risme (una risma comprende 500 fogli).

1 – Raffinazione
Allo scopo di ricavare una poltiglia fine ed uniforme, i materiali fibrosi vengono sottoposti a una raffi nazione, che consiste nel passaggio attraverso delle lame che sminuzzano sempre più finemente le fibre di cellulosa.
2 – Miscelazione
L’impasto viene inviato nel tino miscelatore, dove vengono aggiunte:
– sostanze chimiche che hanno la funzione di appesantire e di rendere l’impasto bianco ed opaco, adatto a ricevere la stampa;
– sostanze collanti, senza le quali il foglio sarebbe assorbente e quindi non adatto a ricevere la scrittura;
– eventuali sostanze coloranti, quando si voglia ottenere della carta colorata.
3 – Formazione del foglio
La trasformazione dell’impasto in carta avviene nella macchina continua. L’impasto, molto diluito (in una percentuale che va dall’1,5 al 5% di fibre rispetto all’acqua), esce dalla cassa d’afflusso e cade sul telo di formazione, costituito da una rete metallica o di fi bra sintetica, che è simile ad un nastro trasportatore sempre in movimento. La poltiglia si distribuisce uniformemente sul telo, l’acqua scola attraverso le maglie della rete, le fibre si avvicinano e si intrecciano e cominciano a formare un nastro compatto. Al di sotto del telo, appositi cassoni aspirano altra acqua.
4 – Formazione dei rotoli
Alla fine di questa prima parte della macchina, il telo metallico torna indietro, il foglio di carta si stacca e comincia a passare attraverso una lunga serie di cilindri rotanti che hanno lo scopo di formare il foglio, sgocciolarlo, pressarlo, tenderlo, seccarlo, lisciarlo, e finalmente arrotolarlo in grandi bobine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: